ZTL, PICA (FIEPET-CONFESERCENTI): “POSTICIPO AL 2 MAGGIO È PALLIATIVO, PROBLEMA RIMANE E PENALIZZERÀ COMMERCIO”

“Apprendiamo dall’Amministrazione 5 Stelle che l’accensione dei nuovi varchi elettronici nella Ztl del cosiddetto ‘Tridentino’ slitterà al 2 maggio prossimo, anziché da lunedì 1 aprile come previsto. Se da una parte il posticipo rappresenta una scelta di buonsenso, vista l’emergenza sulle stazioni metro chiuse al pubblico, dall’altra il differimento non è altro che un palliativo. La Giunta Raggi è rimasta sorda alle istanze dei pubblici esercizi che avevano chiesto di stoppare tale provvedimento in quanto deleterio per gli operatori e determinante di possibili gravi ricadute sull’indotto economico e sul comparto turistico. Ignorare una categoria che porta ricchezza alla città è uno schiaffo alla Capitale e all’immagine di Roma; come Fiepet-Confesercenti venerdì 5 aprile illustreremo alla stampa l’esito del referendum sulla Ztl avviato in queste settimane presso i nostri associati e porteremo i dati alla sindaca. Questa mattina siamo stati in Piazza della Repubblica con una rappresentanza di esercenti di Repubblica, Barberini e Spagna per protestare contro la chiusura delle 3 fermate della Metro A: tutti i commercianti si trovano in difficoltà, le vendite sono in calo e c’è chi è costretto a licenziare. Roma non si merita questo”.

E’ quanto dichiara in una nota Claudio Pica, presidente di Fiepet-Confesercenti.

ROMA, PIAZZA DELLA REPUBBLICA, ORE10

Il nostro “Referendum di categoria” è online.
✍🏻 Esprimi anche tu la tua opinione sulla chiusura dei varchi ZTL-A1 tridentino e sull’aumento del costo dei parcheggi a pagamento a Roma
👇Il tuo giudizio è importante👇 #UnitiSiVince

PER PARTECIPARE AL REFERENDUM <CLICCA QUI>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *