PROBLEMATICHE PUBBLICI ESERCIZI ED AMA INCONTRO TRA L’AMMINISTRATORE UNICO ZAGHIS ED IL PRESIDENTE PICA

Martedì 14 luglio, presso la sede dell’AMA di via Calderon della Barca, si è tenuto un incontro tra il Presidente Aeper e Fiepet Roma Claudio Pica e l’Amministratore Unico Stefano Zaghis.

Dopo un’attenta analisi dei problemi come l’esenzione dal pagamento della Tari per il periodo del lockdownd e la pulizia dei marciapiedi, sono stati affrontati temi quali l’andamento della raccolta differenziata per le utenze non domestiche, la possibilità di effettuare lo spostamento dei cassonetti stradali ove fossero posizionati sul fronte dei locali di somministrazione anche alla luce della delibera di possibilità di ampliamento OSP e la soluzione del posizionamento dei bidoni per la differenziata per quei locali impossibilitati a collocarli all’interno.

Per quest’ultima problematica, si è deciso di proporre una soluzione comune in grado di superare anche il nodo degli orari per il ritiro e di presentarla durante il confronto con le Sovrintendenze ai Beni Culturali, Nazionale e Capitolina.

L’Amministratore ha comunicato che la Tari non è più riscossa da AMA, ma direttamente dal Comune di Roma, in seguito alla riorganizzazione delle riscossioni dettate dall’utilizzo del sistema di informatizzazione dei pagamenti verso la Pubblica Amministrazione PagoPA.

Per tutto il resto, si è concordato di realizzare un filo diretto tra l’Associazione e l’AMA che ci permetterà di segnalare direttamente i problemi dei singoli Associati alla direzione della Municipalizzata.

PERTANTO INVITIAMO TUTTI GLI ASSOCIATI AD INOLTRARE ALLA MAIL segreteria@associazionebar.it LE SEGNALAZIONI CHE RIGUARDANO:

  1.  problematiche riguardanti ritardi, orari di ritiro, ecc.  della raccolta differenziata utenze non domestiche;
  2. spostamenti ove possibile e/o pulizia dei cassonetti;
  3. pulizia delle strade anche non fossero attigue all’attività.

Per ulteriori informazioni, potete contattare i nostri uffici:

tel. 0657288854

whatsapp 3426577354

Linee Guida alla Riapertura dei Pubblici Esercizi del Lazio

La Regione Lazio ha emanato l’Ordinanza Del Presidente n°Z00041 del 16/05/2020 contenente le linee guida per la riapertura al pubblico di lunedì 18 maggio.

Qui troverai le linee guida rivolte al settore dei servizi di somministrazione di alimenti e bevande (Clicca qui per scaricare la versione stampabile per te e i tuoi collaboratori):

Le seguenti indicazioni si applicano per ogni tipo di esercizio di somministrazione di pasti e bevande, quali ristoranti, trattorie, pizzerie, self-service, bar, pub, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie (anche
se collocati nell’ambito delle attività ricettive, all’interno di stabilimenti balneari e nei centri commerciali
), nonché per l’attività di catering (in tal caso, se la somministrazione di alimenti avviene
all’interno di una organizzazione aziendale terza, sarà necessario inoltre rispettare le misure di prevenzione disposte da tale organizzazione).

  • Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i clienti di altra nazionalità.
  • Potrà essere rilevata ai clienti la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
  • Gestori e lavoratori non possono iniziare il turno di lavoro se la temperatura corporea è superiore a 37,5°C.
  • È necessario rendere disponibili prodotti igienizzanti per i clienti e per il personale anche in più punti del locale, in particolare all’entrata e in prossimità dei servizi igienici, che dovranno essere puliti più volte al giorno.
  • Si suggerisce di dotare i bagni di asciugamani e copriwater monouso.
  • Il gestore assicura l’igienizzazione almeno due volte al giorno e la sanificazione quotidiana dei locali, degli ambienti, delle postazioni e strumenti di lavoro, dei tavoli, sedie e oggetti che vengono a contatto con i clienti, ove possibile con prodotti usa e getta.
  • Negli esercizi che dispongono di posti a sedere privilegiare l’accesso tramite prenotazione, mantenere l’elenco dei soggetti che hanno prenotato per un periodo di 30 giorni, nel rispetto della normativa sulla privacy. In tali attività non possono essere presenti all’interno del locale più clienti di quanti siano i posti a sedere.
  • Negli esercizi che non dispongono di posti a sedere, consentire l’ingresso ad un numero limitato di clienti per volta, in base alle caratteristiche dei singoli locali, in modo da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti.
  • Laddove possibile, privilegiare l’utilizzo degli spazi esterni (giardini, terrazze, plateatici), sempre nel rispetto del distanziamento di almeno 1 metro.
  • I tavoli devono essere disposti in modo che le sedute garantiscano il distanziamento interpersonale preferibilmente di almeno 1 metro e mezzo tra le persone, comunque non inferiore ad almeno 1 metro, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale.
    Tale distanza può essere ridotta solo ricorrendo a barriere fisiche tra i diversi tavoli adeguate a prevenire il contagio tramite droplet, tenendo comunque conto del passaggio del personale di sala e fermo restando il divieto di assembramento.
  • Ove possibile, devono essere indicati percorsi differenziati in ingresso e in uscita, occorre regolare l’afflusso alla cassa e ai bagni, e pi in generale organizzare gli spostamenti all’interno del locale anche mediante segnaletica a terra, al fine di garantire il distanziamento interpersonale ed evitare incroci tra le persone.
  • La consumazione al banco è consentita solo se può essere assicurata la distanza interpersonale di almeno 1 metro tra i clienti, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale.
  • La consumazione a buffet non è consentita.
  • Il personale di servizio a contatto con i clienti deve utilizzare la mascherina e deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima di ogni servizio al tavolo). Ove possibile il personale, in particolare il personale di cucina, deve indossare guanti in nitrile monouso.
  • Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti di condizionamento, la funzione di ricircolo dell’aria.
  • La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche, possibilmente al tavolo.
  • I clienti devono usare le mascherine all’interno dei locali quando non consumano (ad esempio per raggiungere i bagni o per pagare alla cassa). Le mascherine rimosse non devono essere poggiate sul tavolo.
  • Al termine di ogni servizio al tavolo andranno previste tutte le consuete misure di disinfezione delle superfici, evitando il più possibile utensili e contenitori riutilizzabili se non igienizzati (saliere, oliere, ecc). Per i menù favorire la consultazione online sul proprio cellulare, o predisporre menù in stampa plastificata, e quindi disinfettabile dopo l’uso, oppure cartacei a perdere.
  • è preferibile l’utilizzo di tovaglie e tovaglioli monouso. In caso contrario tovaglie, tovaglioli e altri tessuti per la tavola devono essere sostituiti per ogni cliente, essere messi in specifici sacchi e lavati ad almeno 60 gradi per 30 minuti.
  • I clienti sono invitati ad adottare comportamenti rigorosi al tavolo, e in generale nel locale, soprattutto innalzando la supervisione dei minori accompagnati e limitando gli spostamenti nel locale alle sole attività necessarie. Si fa leva, quindi, sul senso di responsabilità di tutti.
  • Non è consentito l’uso di appendiabiti comuni e del guardaroba.
  • Deve essere data informazione sulle misure di sicurezza dei lavoratori come da normativa vigente; deve, altresì, essere fornita completa informazione sulle norme di comportamento dei
    clienti, mediante esposizione di cartellonistica all’ingresso.

Tutte le indicazioni riportate nelle singole schede tematiche devono intendersi come integrazioni alle raccomandazioni di distanziamento sociale e igienico-comportamentali finalizzate a contrastare la diffusione di SARS-CoV-2 in tutti i contesti di vita sociale. Per tutte le procedure di pulizia,
disinfezione e sanificazione, di aerazione degli ambienti e di gestione dei rifiuti si rimanda alle indicazioni contenute rispettivamente: nel Rapporto ISS COVID-19 n. 19/2020 ³Raccomandazioni ad interim sui disinfettanti nell’attuale emergenza COVID-19: presidi medico chirurgici e biocidi´,
nel Rapporto ISS COVID-19 n. 5/2020 “Indicazioni ad interim per la prevenzione e gestione degli ambienti indoor in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2”, e nel Rapporto ISS COVID-19 n. 3/2020 “Indicazione ad interim per la gestione dei rifiuti urbani in relazione alla
trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2´, e nel Rapporto ISS COVID ± 19 n. 20/2020 “Indicazioni ad interim per la sanificazione degli ambienti interni nel contesto sanitario e assistenziale per prevenire la trasmissione di SARS CoV -2 e nel Rapporto ISS COVID-19 n.
21/2020 “Guida per la prevenzione della contaminazione da Legionella negli impianti idrici di strutture turistico ricettive ed altri edifici ad uso civile e industriale non utilizzate durante la pandemia COVID-19.

FASE DUE: LINEE GUIDA CONFUSE E INAPPLICABILI, COSI’ NON RIAPRIAMO

FIEPET CONFESERCENTI: A RISCHIO 300 MILA IMPRESE E 1,2 MILIONI DI POSTI DI LAVORO

Con le nuove regole si riduce ad un terzo la capacità di ristoranti e bar, così si lavora in perdita. Servono nuovi sostegni a fondo perduto per gli operatori

Regole del tutto inapplicabili, che ridurrebbero la capacità dei ristoranti ad un terzo di quella attuale, obbligandone migliaia alla chiusura definitiva. Le imprese della somministrazione Fiepet Confesercenti bocciano le linee guida sulla ristorazione diffuse oggi dall’Inail. Norme eccessivamente rigide, spesso anche confuse, ed elaborate senza la partecipazione degli imprenditori del comparto, la cui applicazione metterebbe a serio rischio il settore, che dà lavoro a 300mila imprese e 1,2 milioni di dipendenti. “La dimensione media di un ristorante, in Italia, è di 80 metri quadrati. Secondo le linee guida, una capienza sufficiente per appena 20 persone”, commenta il Presidente di Fiepet Confesercenti Giancarlo Banchieri. “Si tratta chiaramente di una condizione antieconomica, che impedisce di riavviare l’attività a meno di non raddoppiare i prezzi attuali: ma anche questo ci porterebbe alla chiusura. Al danno si aggiunge poi la beffa: non ci sono le condizioni per riaprire, ma non si può licenziare. Una situazione insostenibile”. “Troppi punti fondamentali, poi, sono ancora da chiarire”, continua Banchieri. “Come si calcola la distanza minima per le persone sedute allo stesso tavolo? Le regole di distanziamento valgono anche per l’esterno del locale? Chi certifica o comunque dà un’indicazione su quali dispositivi di schermatura è possibile installare? Se questi nodi non verranno sciolti e le regole non cambieranno moltissime imprese sceglieranno di non aprire piuttosto che lavorare in perdita. Occorrerà introdurre subito nuovi sostanziosi sostegni economici a fondo perduto per gli operatori, o i ristoranti rimarranno chiusi. Non basteranno certo i bonus da 600 o 800 euro a salvare la ristorazione italiana. Invitiamo le Regioni ad intervenire, per concordare con le categorie interessate protocolli alternativi che riescano a contemperare le esigenze di sicurezza con quelle di natura imprenditoriale”.

DL RILANCIO: CONFESERCENTI, BOZZE DELUDENTI,

PER PMI POCHI INTERVENTI E TROPPA BUROCRAZIA. “COSI’ È DE PROFUNDIS PER LE PICCOLE IMPRESE”

Dimenticato il turismo, da rivedere indennizzi e credito di imposta: così si escludono attività minori e quelle più colpite. Beffa la mancata cancellazione acconti Irpef ed Ires a giugno. De Luise: “CDM corregga il tiro, un’impresa su quattro rischia di non riaprire”

“Abbiamo atteso a lungo per un testo che, purtroppo, si preannuncia deludente: molta burocrazia ma pochi interventi a favore delle PMI, e praticamente nulla per il turismo. Anche l’indennizzo a fondo perduto è da rifare, perché così esclude le attività minori. E il credito di imposta per gli affitti non aiuta chi non ha avuto la liquidità per pagare. Una vera e propria beffa, poi, che rimanga ancora da pagare l’acconto di Irpef ed Ires di giugno. L’auspicio è che il testo in arrivo sul tavolo del CDM corregga le troppe inconsistenze delle bozze circolanti”. Così la Presidente di Confesercenti Patrizia De Luise.

“Un decreto di oltre 400 pagine e più di 250 articoli poteva e doveva dare risposte chiare, semplici ed immediate. Invece è un tripudio della burocrazia e della complicazione, che dimostra poca attenzione alle piccole e medie imprese: l’intervento sull’Irap è positivo, ma ha poche ricadute sulle attività di minori dimensioni. C’è poi troppo poco per il turismo: il tax credit per il settore è poca cosa, la dotazione del fondo turismo irrisoria e anche il bonus vacanze è sotto le aspettative”.

“Così la ripartenza sarà dura”, conclude De Luise: “le imprese hanno voglia di riprendere l’attività, ma così sarà una corsa ad ostacoli, alcuni dei quali aggiunti – anziché eliminati – dal DL Rilancio. È quanto accade con gli indennizzi a fondo perduto: si tratta dell’intervento più atteso, ma è estremamente limitato – come parametro ha solo aprile, invece che l’intero periodo di fermo – e per fruirne servono ben nove dichiarazioni. E i tanti, troppi limiti imposti per accedere al beneficio penalizzano, ancora una volta, le imprese di minori dimensioni. Anche l’intervento sugli affitti penalizza gli alberghi e tutte le attività che non hanno avuto liquidità per pagare i canoni durante il lockdown. Manca inoltre un intervento di ‘velocizzazione’ della cassaintegrazione in deroga, ancora non arrivata a troppi. Se non correggiamo al più presto il tiro, è il de profundis per le piccole imprese. Così non riusciremo a salvare tutti: un’attività su quattro rischia di non riaprire più”.

CAPITALE, PICA (FIEPET-CONFESERCENTI): “TASSE FRENANO ECONOMIA LOCALE. CAFAROTTI APRA TAVOLO CON PARTI ATTIVE”

“Il dossier realizzato dalla Cna sulle ‘tasse record’ e che conferma Roma come una delle città più colpite dal fisco, con un peso delle imposte sulle imprese che rappresenta il 67% del reddito, è preoccupante. Questo dato registra lo stato di grande difficoltà delle aziende romane, che in larga parte intacca anche il settore dei pubblici esercizi e a cascata il comparto turistico insieme all’indotto che ne consegue. Leggi tutto “CAPITALE, PICA (FIEPET-CONFESERCENTI): “TASSE FRENANO ECONOMIA LOCALE. CAFAROTTI APRA TAVOLO CON PARTI ATTIVE””

FONTANA TREVI, PICA (FIEPET-CONFESERCENTI): “BENE RISPETTO REGOLE MA INGABBIARE TURISTI QUANDO CENTRO STORICO È DEGRADO HA POCO SENSO”

“Come Fiepet-Confesercenti siamo intervenuti più volte per chiedere all’Amministrazione comunale e agli assessori competenti di determinare e applicare regole per la salvaguardia del nostro centro storico. Ben vengano quindi tutte quelle regole che tutelano Roma e che vanno a beneficio dei romani che vivono la città, dei turisti che arrivano nella città millenaria per ammirare le nostre bellezze e dei pubblici esercizi che erogano prodotti e servizi. Leggi tutto “FONTANA TREVI, PICA (FIEPET-CONFESERCENTI): “BENE RISPETTO REGOLE MA INGABBIARE TURISTI QUANDO CENTRO STORICO È DEGRADO HA POCO SENSO””

Problema rifiuti: Pica: “Necessario intervento concreto con competenze e responsabilità”

“Il problema dei rifiuti, dallo stoccaggio dei bidoni per la differenziata, alla frequenza dei passaggi per la raccolta stessa,  sta diventando sempre più attuale e rende necessario un intervento concreto che evidenzi le competenze e le responsabilità”.
Lo ha evidenziato Claudio Pica, Presidente Fiepet Confesercenti Roma, nel corso della odierna riunione presso la sede Comunale  della Commissione Commercio, indetta dal Presidente Andrea Coia, che ha visto la partecipazione, tra gli altri, di Massimo Bagatti, Dirigente AMA, con i responsabili territoriali.

Leggi tutto “Problema rifiuti: Pica: “Necessario intervento concreto con competenze e responsabilità””

ACCUSA E DIFESA SUL CONTROLLO NEI PUBBLICI ESERCIZI – Martedì 11 giugno il Convegno-Dibattito a Roma

Quali sono i provvedimenti di chiusura di un pubblico esercizio per irregolarità sull’igiene e sulla sicurezza a tutela della salute pubblica? Quali sono le responsabilità per le violazioni penali e civili nella gestione dei pubblici esercizi? Che rapporti ci sono tra autorità di controllo, magistratura e imprenditori nel settore della ristorazione e somministrazione? Leggi tutto “ACCUSA E DIFESA SUL CONTROLLO NEI PUBBLICI ESERCIZI – Martedì 11 giugno il Convegno-Dibattito a Roma”